Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community

HERDS. Animal Husbandry and its Economic Role in the Development of Central Mediterranean Protohistoric Societies

Tipologia
Progetti internazionali
Programma di ricerca
MIUR
Ente finanziatore
PRIN
Budget
€ 734785
Periodo
19/05/2022 - 18/05/2025
Prof.ssa Beatrice Demarchi

Partecipanti al progetto

Descrizione del progetto

Il progetto HERDS si prefigge di indagare le trasformazioni socio-economiche avvenute in Italia e nel Mediterraneo centrale tra XVIII e VIII secolo a.C., utilizzando un approccio multidisciplinare innovativo e altamente integrato allo studio dei resti animali che sono una delle classi materiali più rappresentate nei siti archeologici. Il periodo in esame vede l’affermarsi di comunità demograficamente ampie e insediamenti stabili, che nella prima età del Ferro porterà in talune zone alla formazione di incipienti centri urbani, nonché lo sviluppo di reti di scambio a breve e lungo raggio e di interazioni che coinvolsero la circolazione di materie prime, oggetti finiti, tecniche e ideologie. Queste trasformazioni presuppongono profondi cambiamenti nelle strategie economiche primarie: modalità di allevamento con strategie di mobilità o di stabulazione, il ruolo degli animali vivi e dei loro prodotti derivati, lana e latte, la possibile selezione di razze “specializzate”. Tali aspetti sono stati meno studiati in questa prospettiva, nonostante la loro enorme potenzialità informativa. Il progetto vuole sviluppare una strategia di ricerca ad alto impatto e su vasta scala territoriale, basata sull'ampio uso di analisi biomolecolari applicate ai resti animali in correlazione con gli studi archeologici e archeozoologici già consolidati. Le analisi biomolecolari hanno dato un forte impulso allo studio della mobilità umana e dei processi di trasformazione sociale, ma sono state poco applicate allo studio dei processi economici legati alle pratiche di allevamento. I casi studio selezionati coprono l'intero periodo cronologico considerato e consentono di esplorare l’interazione tra diversi ecosistemi, come pianura/montagna, costa/entroterra o casi di adattamento ad ambienti insulari.
Il progetto offre un avanzamento delle conoscenze sulla mobilità umana a breve e lungo raggio e sulle reti di scambio utilizzando in larga misura informazioni derivanti dagli animali anche su base isotopica e del aDNA, oltre quelle fornite dai marcatori isotopici da resti umani. Lo sviluppo della pastorizia orientata a prodotti secondari che probabilmente si verificò nell'età del Bronzo sarà approfondito integrando le ricerche archeologiche e faunistiche con analisi paleoproteomiche e ZooMS, isotopiche e gascromatografiche. Le numerose analisi del DNA daranno un contributo importante per il dibattito sui tempi di sviluppo delle razze zootecniche diversificate per la resa di prodotti derivati specifici e sul possibile trasferimento di armenti correlabile a mobilità/migrazioni.
Il progetto è coerente con le linee di ricerca e di gestione del patrimonio incoraggiate dalla Comunità Europea ed è rilevante per la società contemporanea per il suo potenziale impatto sullo sviluppo sostenibile, la transumanza, recentemente dichiarata Patrimonio Immateriale dall'UNESCO e per la conoscenza sull’origine degli aspetti dell’allevamento che hanno importanza per l'economia nazionale.

Note

Bando di ricerca: PRIN 2020
Ultimo aggiornamento: 11/07/2022 16:31
Non cliccare qui!